Avventura a Capo Polonio

Dodici fari costellano le coste dell’Uruguay, da Ovest ad est, da Colonia del Sacramento fino a Chuy, alla frontiera con il Brasile; alti tra i trenta ed i quaranta metri ciascuno, sono custoditi con religiosa attenzione e non dimostrano di avere piu’ di cento primavere, con la loro vernice sempre fresca dell’inverno precedente. I tre custodi fanno turni di due settimane a Cabo Polonio – Non c’e’ molto da fare in inverno, solo da dipingere un poco – racconta Pablo, mentre ci affacciamo dal balcone in cima al faro. Questa e’ gente di campagna, non dice una sola parola di troppo ma e’ sorridente e disponibile, forse anche perche’ vivono di turismo.  Al principio Cabo Polonio era un piccolo villaggio di case di pescatori, ora trecento casupole a un solo piano lo punteggiano, ma solo di giorno.  Con il tramonto spariscono, inghiottite dall’oscurita’, illuminate appena dalla luce del faro quaranta metri piu’ in alto; ogni casa ha un proprio pozzo e non c’e’ elettricita’, neppure una vera e propria strada a collegarlo con il resto del paese. Ci si arriva solamente in fuoristrada, a cavallo o a piedi, costeggiando per una dozzina di chilometri un litorale di spiagge larghe, bianche e deserte.  Cosi’ i turisti che vi passano il fine settimana, o scorci di estate, sono selezionati naturalmente, e vivono in simbiosi con il luogo.  L’elemento piu’ sorprendente di questo paesaggio paradisiaco sono pero’ le dune di sabbia che lo proteggono alle spalle, alte fino a cinquanta metri: erano molto piu’ poderose fino a quando il governo uruguagio varo’, negli anni ’80, un piano per lo sfruttamento del legname, piantando foreste alle loro spalle.  Ora i venti, incagliati nei rami dei nuovi alberi, non disegnano piu’ le stesse geometrie e le dune hanno smesso di crescere e hanno iniziato ad invecchiare.Al giungere della sera decidiamo di ritornare a piedi, attraversandole, e di riempirci lo stomaco con i soldi risparmiati con il mancato passaggio in dscf0284.JPGfurgonetta.  – Solamente dovete passare tra il cerro (collina) al lato del mare e il monte, piu’ all’interno – ci istruisce un locale.  Come in un deserto, ma rumoroso perche’ a fianco del mare, i nostri passi non producono il minimo rumore, e i piedi affondano inermi nella sabbia.  Il sole e’ gia’ sceso quando abbandoniamo il capo e la luce residua del tramonto ci accompagna solamente per mezz’ora, in un gioco di colori mai visti fino ad oggi, tra le dune e il cielo policromo, tra il profilo dei solchi scavati dal vento nella sabbia e quello di poche nuvole ad Ovest.   Con il calare dell’oscurita’ si perde la percezione della distanza e dei dislivelli del cammino, e risulta difficile proseguire in linea retta.  La notte e le costellazioni dell’emisfero australe ci sorprendono ancora ad un terzo del cammino, ma buon umore e cielo stellato non ci permettono di essere presi da alcun timore.   Seguiamo prima una traccia di un fuoristrada per un’ora ma ci accorgiamo che si allontana molto dal nostro obiettivo, cosi’ tagliamoTramonto tra le dune per un’altra duna, poi per una steppa di arbusti e fiori quasi secchi, fino a scontrarci con una laguna.   Nonostante sia una notte di luna nuova il riverbero della poca luce sull’acqua rende i contorni gia’ piu’ distinti: costeggiamo la riva della laguna fino al mare, imbattendoci qua e la’ nella fauna notturna di insetti, granchi ed uccelli, che si moltiplicano e cominciano una nuova giornata.

Annunci

~ di unecodalsud su 24 dicembre 2006.

Una Risposta to “Avventura a Capo Polonio”

  1. aguante uruguay!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: